Il Giappone e l’arte dello scrivere

La calligrafia è l’arte della scrittura ornamentale. Le prime forme di scrittura erano composte da simboli che richiamavano l’aspetto dei vari oggetti. In seguito, sono stati modificati, fino a stretta connessione agli oggetti, per arrivare a simboli grafici legati ad un suono o fonema.

Su diversi testi si legge che gli uomini scrivevano già alcuni secoli prima del 3000 a.C., in quanto sono giunte fino a noi tavolette di creta scritte dai Sumeri della Mesopotamia, in cui le prime forme erano sicuramente pittoriche. La scrittura pittorica consiste in disegni che si susseguono a formare una narrazione o una catena di idee.

Dalla scrittura pittorica si è poi passati alla scrittura ideografica e analitica, fino all’invenzione dei sistemi fonetici che ha reso la scrittura più semplice.

Gli stili calligrafici esistenti si possono suddividere in tre macro-gruppi di provenienza:

  • La calligrafia occidentale, che risale agli scribi greci e romani, si sviluppò nel periodo romano e in seguito nel Medioevo;
  • La calligrafia estremo-orientale, che usa tipicamente pennelli ed inchiostro per scrivere i caratteri;
  • La calligrafia araba o ottomana è spesso raffigurata nell’arte musulmana e svolge una funzione di ispirazione. Quando viene usata in maniera decorativa la calligrafia araba è spesso così ornata da risultare difficilmente leggibile.

 

Ciascun stile ha una propria storia, in questo articolo ci dedicheremo a riscoprire la nascita e lo sviluppo della scrittura orientale e in particolar modo di quella giapponese.

La scrittura giapponese nacque alla fine del IV secolo d.C. per importazione del sistema di scrittura cinese. Prima di allora non ci sono prove certe che il Giappone avesse sviluppato un suo sistema. Ciò che è sicuro è che il Giappone venne a contatto con la scrittura cinese attraverso oggetti importati dalla Cina e che a partire dal IV e V secolo d.C. iniziò a produrre dei testi con caratteri cinesi. Per lungo tempo, i maestri cinesi sono stati studiati e imitati ed è per questo motivo che i due stili sono simili tra loro.

Solo nel 749 apparve uno stile nuovo e originale, che cominciò ad adattarsi alla lingua giapponese. I giapponesi ‘liberarono’ i kanji dal loro significato semantico per impiegarli solo per il loro suono: gli ideogrammi divennero fonogrammi.

L’arte giapponese della calligrafia prende il nome di Shodō, che significa: “arte della scrittura, percorso morale, insegnamenti di vita”. Infatti, la pratica calligrafica per i giapponesi è una vera e propria “ricerca e comprensione della vita”.

In Giappone, la calligrafia e la pittura sono considerate due importanti discipline che si fondano sugli stessi principi. Entrambe si basano sulla padronanza del tratto e immediatezza del gesto, sulla continuità del ritmo, sul controllo della forza impressa sul pennello.

Shodō è un’arte che si focalizza su semplicità, bellezza e, soprattutto, sulla connessione mente-corpo.

Nonostante le differenze da ciò che abitualmente è definita “arte”, la vera calligrafia è ottenuta applicando proprio gli elementi di base dell’arte: linea, forma e spazio.

L’elemento essenziale è conoscere bene le linee. Spesso la linea è tracciata con una particolare attenzione sull’amore, la determinazione o la positività. Questi sentimenti possono influenzare il tipo di linea che segue.

In simbiosi con la linea, è importante conoscere la forma, un altro aspetto decisivo nella creazione di qualsiasi simbolo giapponese.

L’azione del pennello, quindi, converte in segni i gesti del calligrafo. Questi segni contengono sempre una forza che secondo la tradizione viene definita qi/ki 氣 traducibile in “energia vitale”. Questa forza circola nei singoli segni e nei rapporti che s’instaurano tra di loro.

 

L’arte della calligrafia giapponese è quindi una forma espressiva spirituale che ha una tradizione di centinaia di anni.

Oggi, la calligrafia continua ad essere molto importante nella cultura giapponese, tanto da essere materia obbligatoria nelle scuole e oggetto di numerosi studi.

 

Vuoi scoprire di più sul Giappone? Scarica la nostra Scheda Paese del Giappone con tante informazioni e curiosità.

Inoltre, ti invitiamo a partecipare al nostro webinar gratuito sul Marketing 4.0 in cui ci sarà un box dedicato proprio alle strategie di export verso l’estremo oriente. Non perdere l’occasione, iscriviti!