Ellecubica | Passione o pensione, cosa vuoi veramente?
23692
single,single-post,postid-23692,single-format-standard,op-plugin,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
 

Passione o pensione, cosa vuoi veramente?

coaching brescia

Passione o pensione, cosa vuoi veramente?

“Per il progetto di internazionalizzazione ho deciso di non procedere ad alcuna attività. Ci arrangiamo come siamo. Ringrazio. Cordiali saluti.”

Elogio di un presunto insuccesso.

Ebbene si, questa è l’email di risposta di un potenziale cliente che rifiuta il nostro progetto di internazionalizzazione con l’utilizzo dei voucher TEM messi a disposizione del MISE. Un cliente che già nel 2015, senza alcun voucher, abbiamo affiancato con l’attività di export coaching portandolo all’acquisizione di 2 nuovi clienti, tutt’ora attivi. Un imprenditore che alla mia domanda successiva alla sua risposta sopra citata “che strategia intende seguire?” ha risposto “quella di arrangiarsi”.

Con questa azienda abbiamo lavorato anche con lo strumento del coaching, per un breve periodo: l’imprenditore non era ancora pronto ad un cambiamento importante. E così, succede che quando stai troppo nella comfort zone, torni alle tue vecchie abitudini, la facilità e il “ci arrangiamo così”, torna a prendere il potere, i super poteri che tu le concedi.

Ed allora, in questi casi, io ti chiedo “IMPRENDITORE, COSA VUOI VERAMENTE? PER TE… PRIMA CHE PER LA TUA AZIENDA.”

 

Tendiamo a vedere l’imprenditore e la sua azienda come un tutt’uno, ma non è cosi.

 

Gli imprenditori sono persone, con i loro vissuti, i loro sogni (spesso totalmente slegati dall’azienda…) le loro famiglie, le loro passioni, le loro insicurezze personali.

Come Simone, un imprenditore metalmeccanico con la passione per la musica con il quale con il team coaching, stiamo sviluppando un intervento per creare squadra

“voglio che siamo tutti come una band, a volte rock, a volte pop, a volte un’orchestra, evidenziando le tipicità individuali”.

Questo imprenditore sa bene cosa vuole.

Quando mi trovo difronte ad una persona che vedo essere confusa rispetto al progetto di team o export coaching sul quale lavorare con noi, io parto con tre semplici domande:

  1. Che cosa ti appassiona veramente e perchè?

Spesso ci auto convinciamo che la nostra professione sia la nostra passione. Per svariati motivi: perchè abbiamo ereditato l’azienda, perchè quel che facciamo lo facciamo bene, perchè guadagniamo bene…

2. Qual è la cosa realizzata sul lavoro, quest anno, che ti rende più orgoglioso, più soddisfatto del tuo comportamento?

Il tal progetto concluso o ancora in corso, l’aver affrontato in maniera assertiva un fornitore rognoso, la squadra che ho creato con impegno e passione. Di fronte a questa domanda vedo persone restare in silenzio per minuti per poi rispondermi “realmente, Lucilla, non lo so”.

Imprenditore, cosa vuoi veramente?

Come puoi pretendere di avere un team motivato se tu stesso non sai cosa realmente vuoi, cosa ti motiva?

3. Cosa vuoi realizzare sul lavoro ed, ancora, non hai fatto?

Il successo dipende dalla preparazione precedente, e senza una tale preparazione c’è sicuramente il fallimento.

CONFUCIO

La passione da sola non basta, ci vuole l’impegno, ci vuole responsabilità, ci vuole strategia. E, quella di arrangiarsi, qualsiasi sia il progetto, non credo sia quella adeguata.

I collaboratori sono la più grande risorsa di un imprenditore o manager e sono anche il suo più grande cruccio. Perché, sebbene siamo nell’era 4.0, le persone restano troppo spesso ancorate alle convinzioni che le bloccano al 2.0, compreso gli imprenditori stessi nonostante i mille laboratori 4.0 che frequentano.

Ma…non tutti per fortuna.

Noi di Ellecubica, siamo molto fortunati, abbiamo clienti almeno allo stadio 3.0 e con noi stanno portando avanti i percorsi Team 4.0 oppure Global Team 4.0 per continuare a crescere.

L’imprenditore dell’esempio iniziale non è più un nostro cliente e, sebbene, possa essere visto come un insuccesso, noi sappiamo bene che avrebbe portato fatturato ma non passione, non, profitto. Ci avrebbe avvicinato alla pensione (forse?) ma avrebbe minato la nostra passione.

Insegui la tua passione, non la tua pensione.

(Denis Waitley)

E tu insegui la tua passione o la tua pensione?

Per scoprire i nostri per-corsi TEAM 4.0 & GLOBAL TEAM 4.0 contact us!