Ellecubica | Cosa direbbe Van Gogh?
23539
single,single-post,postid-23539,single-format-standard,op-plugin,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
 

Cosa direbbe Van Gogh?

export brescia

Cosa direbbe Van Gogh?

“Non c’è blu senza il giallo e senza l’arancione”

affermava il famoso pittore olandese. E se non fosse così per tutte le lingue?

Se finora abbiamo scritto di lingue nelle quali esistono molte parole diverse per indicare uno stesso oggetto (vedi Come finestre e porte sul mondo del 10 luglio 2017), oggi accenneremo al caso contrario, cioè a quelle curiose situazioni nelle quali esiste una varietà di vocaboli alquanto limitata.

Perché questo aspetto sarebbe legato alla vita di un popolo?

Evidentemente anche la scarsità di parole per riferirsi a qualcosa ci dice molto sulla cultura di quel popolo: se non esiste la necessità di nominare un oggetto/concetto, perché creare una parola che lo rappresenti?

Se pensiamo ai colori, viene naturale credere che ogni lingua abbia coniato una parola specifica per indicare, se non proprio ogni sfumatura, almeno ogni colore.

E se vi dicessimo che esistono lingue che distinguono solo il bianco e il nero senza avere vocaboli che si riferiscano a tutti gli altri colori? In Papua Nuova Guinea, ad esempio, usano il termine mili per riferirsi a tutto ciò che tende verso una tonalità scura, mentre la parola mola per le tonalità chiare.

Una delle lingue parlate in Liberia distingue solo due parole per catalogare i colori: ziza (rosso, arancione, giallo) e hui (verde, blu e viola). Proviamo a riflettere su un caso specifico che potrebbe accadere se aveste dei partner commerciali in questo paese: se un cliente liberiano ordinasse un vostro prodotto indicando “ziza” nella colonna colore… sareste in grado di capire immediatamente a quale tinta nello specifico si stia riferendo?

Si tratta sicuramente di casi limite e forse apparentemente troppo lontani dai nostri affari, ma mai poveri di significato.

Riflettere sulla cultura e sulla lingua di un paese apre innanzitutto i recinti mentali, prima che i portafogli per concludere affari.

Fare business all’estero significa approcciarsi all’export attraverso una strategia e una sensibilità che Ellecubica mette in campo grazie al suo team di professionisti e alla sua decennale esperienza. Contattataci per una consulenza o semplicemente per farci delle domande, saremo felici di aiutarti!

No Comments

Post a Comment